Post

Il racconto dell’ancella e una distopia che non fa paura

Come si fa a parlare non troppo bene di un romanzo di cui tutti parlano un po’ troppo bene? Si legge, si chiude, si aspetta. Poi si riprende e si comincia a smontare pezzo dopo pezzo per capire che cosa – secondo te – non funziona.

Il racconto dell’ancella (The Handmaid’s Tale) è un romanzo distopico che Margaret Atwood pubblicò nel 1985. Nel 2017, il libro suscita nuovo interesse grazie all’attenzione ottenuta dall’omonima serie televisiva ideata da Bruce Miller.


La repubblica di Galaad e i Figli di Giacobbe
Alla fine del ventesimo secolo, diversi paesi sono alle prese con le conseguenze di una guerra mondiale. Le rivolte interne sono fuori controllo, l’inquinamento ha raggiunto livelli insostenibili e la tossicità delle scorie radioattive ha influito su un tasso di natalità già precario: la popolazione si approssima alla crescita zero. I capi di Stato firmano un “accordo sulle sfere d’influenza”, un patto che lascia ai singoli governi la libertà di gestire la crisi attuando ogni provv…

In Dubious Battle: il coraggio degli ultimi di John Steinbeck

Leggere i classici non “serve” (sostiene Calvino)

I LIBRI E LA CITTÀ – Sfogliando Lisbona

Quando Michele Mari leggeva Moby Dick

Colazione da Tiffany e l'happy ending che non si perdona

IN ALTRI TERMINI – Come Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij