Chi sono

Mi chiamo Maria Di Biase e sono un errore del sistema.
Un po’ come Kafka, ma senza il broncio, ho una doppia vita: per otto ore al giorno mi occupo di contabilità, in tutto il tempo che resta racconto i libri online. Ho aperto questo blog sei anni fa e da allora sono successe parecchie cose.

Nel 2013 ho radunato gli Scratchreaders, un branco di lettori indipendenti. Scegliamo un libro, lo leggiamo e ne discutiamo, senza troppe imposizioni. Quando siamo partiti eravamo in tre, oggi siamo più di seicento.

L’idea per Tre racconti mi venne in mente quando l’ennesimo lettore mi disse: «Io non leggo racconti».
Nel 2016, per provare a scardinare qualche pregiudizio, ho coinvolto otto persone in un progetto per la promozione della lettura e della scrittura di storie brevi. Tre racconti è una rivista letteraria digitale che ospita, in ogni numero, tre racconti inediti. Ma è anche un portale di approfondimento: un sito web pieno di articoli, interviste e rubriche a tema.

Essere a capo della redazione di Tre racconti mi dà l’occasione di collaborare con diversi scrittori, ed è così che ho scoperto che mi piace curare i testi degli altri. Sto studiando affinché la mia passione diventi un’attività concreta, ma non escludo di reinventarmi ancora; l’attitudine a nuove e più grandi imprese è il mio pregio e il mio peggior difetto.

Ho un cane che ulula ogni domenica, solo dalle 9:15 alle 9:30.

Vuoi saperne di più?

Cercami altrove, oppure contattami.

Commenti