Post

Scrivere un perfetto racconto di Natale (con i consigli di Charles Dickens)

Nel 1961, Harper Lee riceve un biglietto di auguri di questo tipo: «Hai un anno di pausa dal tuo lavoro per scrivere quello che ti pare. Buon Natale». I coniugi Brown, Michael e Joy, decidono di donarle una somma pari al salario di un anno affinché la scrittrice possa dedicarsi interamente al suo romanzo. «Mi assicurarono che non era una specie di scherzo. Avevano avuto un buon anno, dissero. Avevano risparmiato un po’ di denaro e credevano che fosse giunto il momento di fare qualcosa per me». Così Harper Lee si mette al lavoro e qualche tempo dopo pubblica Il buio oltre la siepe, libro che ha venduto oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo. L’episodio è raccontato qui.

Ora, tralasciando le mire da Premio Pulitzer, proviamo a limitare il nostro raggio d’azione all’atmosfera natalizia e all’opportunità che può rappresentare per uno scrittore. Perché la verità è che il Natale è un momento ricco d’ispirazione: la benedetta ricorrenza chiama in scena una serie di personaggi potenzial…

Genesi di un romanzo dell’orrore: Shirley Jackson e L’incubo di Hill House

Il futuro è un libro di fantascienza

Il desiderio di scrivere di tutti. Su Fedeltà di Marco Missiroli

Bandersnatch di Black Mirror: una recensione interattiva

William S. Burroughs e la tecnica del cut-up

Beat come Beat Generation. Il racconto di Allen Ginsberg