La scuola del racconto: l'arte di scrivere, imparando a leggere

la-scuola-del-racconto

Al volo, che siamo già in ritardo.
Giovedì 6 novembre, in allegato al Corriere della Sera, era possibile acquistare la prima uscita de La scuola del racconto, elemento di una collana composta da 12 volumi dedicati all'arte della lettura come mezzo per imparare a scrivereIo ne sono venuta a conoscenza soltanto ieri ma sono riuscita comunque a recuperarlo. Nel caso, niente paura: è possibile richiedere i numeri in arretrato attraverso il sito del Corriere.

L'idea di fondo è interessante:
[...] Imparare a scrivere dai grandi autori è semplice: basta leggerli nel modo giusto, scoprendo percorsi creativi e tecniche attraverso l’analisi guidata delle loro opere.
Mi premeva però capire in che modo era stato sviluppato il progetto perché un'ottima teoria non si accompagna sempre ad una pratica altrettanto valida. 
Ho letto il primo libro, L'arte di leggere, e ve lo posso consigliare senza esitazioni di sorta.
I volumi presentati nella raccolta - ci tiene a sottolineare il curatore, Guido Conti - sono prima di tutto manuali di lettura, in secondo luogo sono manuali di approccio all'opera di uno scrittore e solo come terza "tappa" del percorso propongono di fare tesoro degli strumenti acquisiti.
Ci piace, no? In fondo è un po' il nostro grido di battaglia: "Leggere, per imparare a scrivere".
Observational learning; rintaniamoci in un angolo di casa Bulgakov ad osservare Cuore di cane che prende vita, spulciamo tra gli appunti di Kafka e andiamo alla scoperta dei più piccoli segreti di Poe: destrutturiamo, analizziamo, incorporiamo.

Giovedì 13 novembre, in edicola, ci aspetta Maupassant.
Come possiamo mancare all'appuntamento?
La tecnica non precede il racconto, semmai è la storia che ha bisogno della tecnica per essere prima costruita e poi compresa nel modo migliore.


La collana, al completo:
6 NOVEMBRE   L'arte dello scrivere – Anton Cechov
13 NOVEMBRE   Scrivere e riscrivere – Guy de Maupassant
20 NOVEMBRE   Dall'idea alla pagina – Nathaniel Hawthorne
27 NOVEMBRE   La nascita del personaggio – Giovannino Guareschi
4 DICEMBRE   Suspence e thriller – Edgar Allan Poe
11 DICEMBRE   Scrivere una favola – Hans Christian Andersen
18 DICEMBRE   Il gioco dell’umorismo – Cesare Zavattini
24 DICEMBRE   L'architettura delle novelle – Giovanni Boccaccio
31 DICEMBRE   La costruzione del giallo – Gilbert Keith Chesterton
8 GENNAIO   Le forme della scrittura breve – Michail Bulgakov
15 GENNAIO   La satira politica e di costume – Carlo Collodi
22 GENNAIO   Dall'apologo all'aforisma – Franz Kafka

Commenti

  1. Mi interessano Cechov, Bulgakov e Kafka, vediamo se riesco a recuperarli... Sul sito del Corriere li vedo tutti non disponibili :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto i tre che non voglio assolutamente perdere!

      Elimina
  2. Cechov me lo sono accaparrato subito e la parte introduttiva lascia ben sperare. Anche la Nathaniel Hawthorne non mi spiacerebbe. Segnalo che sul bel blog della Simona Scravaglieri (http://letturesconclusionate.blogspot.it/) ci sono due post molto interessanti su questa nuova collana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È proprio grazie a Simona che ho scoperto questa iniziativa!

      Elimina
  3. Sarebbe interessante recuperarli tutti, ma un po' dispendioso. L'idea mi sembra curiosa, sicuramente diversa dal solito approccio.
    Ci saprai dire su come è stata messa in pratica. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante, sì; meno approfondito di quello che avrei voluto ma per una trattazione sommaria degli argomenti, non sono affatto male. Poi, voglio dire, riassumere Cechov, o Poe, in neanche 120 pagine è quasi impossibile.

      Elimina
  4. Bell'idea, sarei curiosa di leggere i primi quattro. Tutti è un po' faticoso e costoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Magari si può fare una scelta. Ogni libro ha il suo titolo e - penso - sia incentrato su un particolare aspetto della scrittura (vedi Maupassant che è "scrivere e riscrivere"). Un saluto!

      Elimina
  5. Come potrei fare a recuperare Maupassant? Chi dovrei contattare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul sito del corriere è già disponibile ma penso tu possa provare a chiedere direttamente in edicola.

      Elimina

Posta un commento