Un caffè con: Mark Strand

Tornare a regime non è semplice, motivo per il quale mi trascino in questi ultimi giorni cercando di trattenere più energie possibili. Però voglio tornare a scrivere, a parlare di libri, di cinema. E a leggere poesie, che è da un po' che non lo facciamo.

Non conoscevo Mark Strand e mi sono resa conto solo adesso di quanto fosse grave la mia mancanza; ho letto alcuni suoi versi e vi assicuro che sono uno più emozionante dell'altro (anche perché parliamo di un Premio Pulitzer per la poesia - anno 1999). Io ho scelto Tenendo le cose assieme, perché è stata terra del nostro primo incontro. E per il titolo, perché sapete quanto sia importante per me. Tenendo le cose assieme, che può voler dir tutto, anche solo così.

Mark-Strand
(Canada - 11 aprile 1934)
In un campo
io sono l'assenza
di campo.
Questo è
sempre opportuno.
Dovunque sono
io sono ciò che manca.

Quando cammino
divido l'aria
e sempre
l'aria si fa avanti
per riempire gli spazi
che il mio corpo occupava.

Tutti abbiamo delle ragioni
per muoverci
io mi muovo

per tenere assieme le cose.


Un abbraccio.

Commenti

  1. "Dovunque sono
    io sono ciò che manca"
    M e r a v i g l i o s o !

    RispondiElimina
  2. Un autore che, mea culpa, non conoscevo.
    Grazie per averne parlato: la poesia che hai condiviso è bellissima.

    RispondiElimina
  3. Tornare a regime è cosa dannata.
    Non sono una grande appassionata (né conoscitrice...) di poesia, però devo ammettere che questa mi ha fatta rabbrividire...

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo Mark Strand. Io sono impervia alla poesia (nel senso che davvero qualcosa si spegne nel mio cervello e m'impedisce di apprezzarla, da qualunque parte origini), ma devo dire che questa mi ha colpito e mi ha anche fatto sorridere.
    "muoversi per tenere le cose assieme": è un bel senso da dare alla propria vita.

    RispondiElimina
  5. A me piace la poesia, ma in modo molto selettivo. Non posso definirmi un'accanita del genere ma ce ne sono alcune, tipo questa, che ho adorato all'istante. Sono più una ricercatrice che una lettrice in questo caso! ;)
    Sono contenta che vi sia piaciuta!

    RispondiElimina
  6. Il più grande dei poeti contemporanei.
    I.M.H.O., si intende.
    LWV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di aver incontrato i tuoi gusti!

      Elimina
  7. grazie per avermi fatto conoscere Mark Strand andrò subito a cercare i suoi versi in libreria Ciao Ivana

    RispondiElimina

Posta un commento