Sognare e scrivere: riflessioni di Jorge Luis Borges

Sapete quanto mi piaccia divagare, fissare un punto e osservare dove il discorso andrà a cadere. Senza progettare, senza indirizzare. È una pratica che può rivelare molto secondo me, come se dietro frasi apparentemente scollegate ci fosse il vero senso del discorso, un accenno di anima dell'interlocutore. Ed è per questo che ancora di più adoro quando sono gli scrittori a concedersi di andare fuori tema: amo leggere pensieri e memorie, mi piace l'idea di raccogliere confessioni sfuggite e sproloqui confidenziali; testi che esulano dal romanzo, pensieri e riflessioni sulla vita, sulla scrittura e su tutto quello che ne consegue. Divagazioni d'autore, chiamiamole così.

Oggi, al caso, ho trovato Sognare e scrivere. Un morso, come chiamo io questi piccoli libri dal cuore pieno. Un morso digitale, ad essere precisi, quello di Jorge Luis Borges. Un testo che raccoglie alcuni suoi interventi degli ultimi anni; interviste e riflessioni per lo più. Di cosa parliamo? Parliamo di scrittura, di lettura, di come queste due attività convivano, di quanto siano indispensabili l'una all'altra:
Credo che uno scrittore debba abbandonarsi al piacere di sognare, di scrivere; anche se ciò fosse imprudente. Però chissà che la massima felicità non sia la lettura. Una volta ho scritto: si vantino altri delle pagine che hanno scritto; quanto a me, m'inorgogliscono quelle che ho letto. La mia lettura è molto più importante della mia scrittura. Questo è un assioma.
Parliamo della fede, del fato. Del sogno, di quanto sia importante continuare a crederci.
Credo che l'avvenire dipenda da ciascuno di noi: è un atto di fede. Quanto a me, mi sono proposto questo atto di fede; quale altra cosa mi resta se non sognare e scrivere? Niente altro. Non posso più leggere, era uno dei miei grandi piaceri. Ora no: la cecità mi impedisce di leggere. Ma continuo a scrivere, o piuttosto a dettare i miei sogni. So che se sono fedele ai miei sogni, allora sono un uomo etico. Quando scrivo, non amo quello che scrivo, ma se non scrivo mi sento in colpa, è come una mancanza di lealtà.
Di come uomini di indiscutibile talento si rilevino molto spesso esempi di grande umiltà.
Leggetelo; 0,99 cent di pura ispirazione.



sognare-scrivere-Borges-libroJorge Luis Borges
Sognare e scrivere
Il Club di Milano
2013
ASIN B00B1JG2U6
(Estratto da Una vita di poesia - Spirali 1986-2007 la versione cartacea)

Commenti

  1. Divagare sembra senza scopo, all'inizio. Ma come hai detto tu, se il discorso segue il proprio filo, diventa molto più rivelatore dell'essenza di chi partecipa, di qualunque altro scritto con uno scopo. Piace molto anche a me scoprire i pensieri in libertà degli scrittori: è la loro umanità dietro il genio che mi attira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "L'umanità dietro al genio".
      Bel concetto(sempre ammesso che ci sia questa umanità)!

      Elimina
  2. Sono frasi bellissime, grazie per averle condivise. La prima, soprattutto, mi piace davvero molto :) dovrebbe essere presa come mantra da molti aspiranti scrittori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I blog servono anche a questo,no? Anzi... soprattutto a questo! Solo attraverso la condivisione possiamo infoltire le nostre conoscenze!

      Elimina

Posta un commento