Nuotare sott'acqua e trattenere il fiato: i consigli di scrittura di Fitzgerald

Abbandoniamo gli sfavillanti ricevimenti di zio Gatz e affondiamo mani e piedi in quel mondo fascinoso (e sovrappopolato) che rappresenta la scritturaConsigli a scrittori, lettori, editoriLa passione, l'estro creativo, il richiamo interiore, il fuoco sacro; ogni scrittore esprime attraverso elaborate metafore il proprio bisogno di appuntare, di trascrivere, di comunicare. 

snoopy-vignetta-scrivere
Non stiamo tanto qui a raccontarcela: scrivere è una cosa seria. Non basta aver subito una tragedia familiare per elaborare un romanzo drammatico e saper raccontare barzellette non vuol dire essere in grado di scrivere un libro divertente: scrivere è un mestiere che va fatto con cognizione di causa e aggiungerei anche, a gradimento, un bagaglio culturale abbastanza fornito. Il talento è importante, una dote imprescindibile, ma oltre a questo c'è altro, tanto altro, da tenere in considerazione. Con questo non voglio amputare desideri e speranze di milioni di autori in erba però, per favore, siate obiettivi e non prendetevi troppo sul serio; anche a me piace scrivere ma non vado in giro a sfoggiare una S sul petto. Torniamo al tema però, torniamo in acqua. 

Questo libro in realtà non è stato scritto da Fitzgerald ma è frutto dell'impegno condiviso di Frances Scott Fitzgerald Smith e Sheilah Graham (rispettivamente figlio e donna dell'autore) i quali hanno provveduto a raccogliere stralci di romanzi, presentazioni e lettere che lo scrittore ha rilasciato nell'arco di un'intera vita. Pensieri da sfogliare di tanto in tanto, del tipo:
(a Sheilah Graham, 1938 - Beloved Infidel)
"Questa, in ogni caso, è fra le cose più belle della letteratura: scopri che i tuoi desideri sono universali, che non sei solo, che non sei isolato da nessuno. Sei parte di". 
Oppure:
(a Max Parkins, 1924 - Lettere) 
La mia speranza - e il mio progetto - è di finire il romanzo [il grande Gatsby] entro giugno. Ma sai come vanno queste cose e, dovesse occorrermi dieci volte tanto di tempo, non posso licenziarlò finchè non racchiuderà il meglio del meglio di cui sono capace, o addirittura, come mi capita a volte di pensare, anche qualcosa di più. 

Mi sono imposta di non seguire un convenzionale ordine di lettura, si potrebbe dire che non ho mai iniziato veramente e non ho alcuna intenzione di finire; parto dal fondo, torno al primo capitolo, salto alcune pagine. Mi piace l'idea di estenderne la lunghezza, di poter trovare ogni giorno un nuovo consiglio.
(a Sally Pope Taylor, 1918 - Lettere) 
Spero che tu legga un mucchio di cose, Sally: hai una mente fine, e basta che tu la nutra con qualsiasi lettura ti capiti sottomano, buona, scadente o mediocre. Una bella testa è dotata di un filtro efficace e può separare il buono dal cattivo in tutto quello che assorbe". 
Un bacio in piena fronte, ogni mattino. E qualche chicca, che tra autori ci s'intende:
(a Max Perkins, 1924 - Lettere) 
Ti scrivo per segnalarti un giovane, di nome Ernest Hemingway, che vive a Parigi (è americano), scrive per la "Transatlantic Review" e ha un brillante avvenire di fronte a sé... Lo terrei d'occhio fin d'ora: c'è del buono davvero. 

nuotare-sott-acqua-Fitzgerald-minimum-fax
Francis Scott Fitzgerald
Nuotare sott'acqua e trattenere il fiato
Traduzione di Leopoldo Carra
Minimum fax
2011
pp. 102
ISBN 9788875211820

Commenti

  1. Mi hai incuriosito tantissimo! Lo metto in wish list!
    Anche perché di Fitzgerald io ho letto solo il Grande Gatsby (e il raccontino in edicola con Vanity Fair) e forse è ora che mi informi meglio su questo autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :(((( Io il raccontino di Vanity Fair non l'ho trovato. Ho girato mezza Napoli!!! Uff

      Elimina
    2. Io non sapevo neanche che esistesse, pensa te!

      Elimina
    3. Se volete me lo faccio dare da mia suocera e ve lo faccio avere! :) Tanto sono poche paginette :)

      Elimina
    4. Si dai, se è una cosa fattibile... falla! ;)

      Elimina
  2. Meno male che dovevo stare buona per un po'.
    Questo mi attira tipo richiamo della foresta.
    Girare per questi blog fa molto, molto male ai portafogli.

    Grazie per averne parlato però, chissà se avrei mai saputo della sua esistenza altrimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il richiamo della foresta va sempre assecondato.
      Felice di esserti stata utile!

      Elimina
  3. Stupendo post, il tuo blog mi piace sempre di più!!!! Sto bramando Tenera è la notte... penso sarà il prossimo acquisto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso spero tu abbia approfittato dell'offerta di ieri di Amazon: 4 libri di Fitzgerald, ognuno a 1.99€!

      Elimina
    2. Ovviamente no, erano ebook? :(

      Elimina
  4. Maria ti adoro! Questa perla mi ci voleva proprio!
    "[...]hai una mente fine, e basta che tu la nutra con qualsiasi lettura ti capiti sottomano, buona, scadente o mediocre. Una bella testa è dotata di un filtro efficace e può separare il buono dal cattivo in tutto quello che assorbe"
    ...vorrei un bacio così in fronte ogni mattina... :)
    Che bello! Devo averlo sul comodino, in tutti i modi! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto magistralmente calcolato per attrarti nuovamente nel virtuale amica, ormai è una missione! Un bacio Frà.

      Elimina
  5. Adoro il lavoro che stanno facendo i tipi di minimum fax con l'opera di Fitzgerald :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! La minimum fax, in generale, è una casa editrice da tenere in grande considerazione.

      Elimina

Posta un commento