Ricostruiamo Città della Scienza

Città della Scienza è un centro di promozione e divulgazione scientifica di Bagnoli gestito dalla Fondazione IDIS-Città della Scienza, una costruzione multifunzionale suddivisa in padiglioni. Un luogo di attrazione e aggregazione culturale. Un simbolo di appartenenza, di orgoglio e rivalsa sociale. Un punto di riferimento per ogni individuo interessato ad acquisire concetti scientifici in modo semplice e divertente. Io stessa ho partecipato a diverse manifestazioni. Ricordo con particolare piacere lo Show dell'Universo, una serata condotta da Patrizio Roversi e Syusy Blady durante la quale alcuni esperti del settore intervennero per esporre in termini più accessibili le ultime scoperte relative alla Particella di Dio, il bosone di Higgs).

Il 4 marzo il centro è stato devastato da un incendio, presumibilmente di origine dolosa. Lasciando agli inquirenti il compito di stabilire colpe, modalità e motivazioni (motivazioni?) di un simile oltraggio, il punto è: cosa possiamo fareLa fondazione ha da subito attuato iniziative e opere di ripristino, salvaguardando lo svolgimento di alcune attività che riprenderanno già dal prossimo 13 aprile.
— In particolare — afferma Vittorio Silvestrini, il presidente — riapriremo nelle aree prospicienti il Centro Congressi, che non sono state assolutamente interessate dal rogo, una sezione espositiva dedicata ai bambini, che sono stati quelli più colpiti dalla violenza dell’incendio e che ci stanno vicino con affetto ma anche con proposte molto sensate e ragionevoli.
Qui le modalità per contribuire alla ricostruzione.

città-scienza-manifestazione

Perché Città della scienza è mia, è tua, è nostra. E ne siamo responsabili, ancor di più adesso.



Commenti

  1. Hai per caso letto quell'orribile articolo apparso sul foglio ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stendiamo un velo pietoso...
      Non ho letto l'articolo direttamente ma attraverso uno stralcio riportato da un altro sito web.
      Non lo so. Certe volte ancora mi stupisco.
      I giornalisti, per riempire un articolo, direbbero qualsiasi cosa.

      Elimina

Posta un commento